Questo evento si è concluso il 27 ottobre 2020 10:30 CET

Traduzione dei sintomi puri in omeopatia , nel linguaggio analogico del sintomo di Gabriella Mereu.

Corso di formazione in Omeopatia radionica


martedì 27/ott/2020 dalle 08:30 alle 10:30 (UTC +01:00)

Quando

martedì 27/ott/2020 dalle 08:30 alle 10:30 (UTC +01:00)

Descrizione

Terapia verbale

Oggi, le terapie sono pensate come protocolli elaborati e lunghi, che vedono come protagonisti i farmaci. Ippocrate includeva, tra i rimedi terapeutici a disposizione del medico, anche la parola.

La terapia verbale considera la medicina e la figura del medico come “veicoli” tra il soggetto e il stato di salute. La malattia è dunque espressione di un vissuto emozionale. Servendosi di strumenti come l'analogia, i simboli archetipici e la grafologia, la terapia verbale consente al terapista di poter tradurre al paziente quello che il suo inconscio desidera comunicare.

La descrizione della malattia da parte del paziente è fondamentale. Proprio il “pazientese”, la lingua usata per descrivere sintomi, con il corredo personale di aggettivi ed espressioni in libertà, guida il terapista verso la risoluzione di un problema.

L'importanza della parola

La terapia verbale si presenta come una sorta di omeopatia linguistica, non scientificamente dimostrata, fortemente legata alla personalità di una dottoressa sarda, Gabriella Mereu, autrice di pubblicazioni, DVD e seminari sull'argomento.

Le visite della Mereu sono brevi. Pochi minuti di dialogo con il soggetto sono sufficienti per individuare il "dispiacere", il blocco emotivo che ha generato la malattia. È importante sottolineare che, al termine del colloquio, non vengono prescritti rimedi omeopatici, bensì viene offerta una “storia”. Poiché la malattia è generata da un'informazione sbagliata, si rende necessario restituire al soggetto la stessa informazione, però in maniera corretta e terapeutica.

Con le parole della Mereu: “Io, in maniera analoga, restituisco la verità negata che è diventata malattia, espressa in maniera divertente, così non fa più male. Divertente equivale a dire diluita e dinamizzata. La verità detta in questa maniera è un male che non fa più male e dà energia, come dà energia il divertimento oltre che la libertà di dire la verità. Do contemporaneamente un'informazione, proprio come il rimedio omeopatico”.

Parole dunque al soggetto. Il medico è in silenzio, per una volta. Tra i termini più comunemente utilizzati dai soggetti per descrivere ciò che provano ci sono “palla”, “accavallare”, “schiacciare”, “costrizione” e “ prurito”. Questi vengono solitamente collegati alla sfera sessuale, alla sfera affettiva e a quella delle relazioni subordinate.

biglietto Biglietti
Prezzo unitario
Quantità

Terapia verbale

Oggi, le terapie sono pensate come protocolli elaborati e lunghi, che vedono come protagonisti i farmaci. Ippocrate includeva, tra i rimedi terapeutici a disposizione del medico, anche la parola.

La terapia verbale considera la medicina e la figura del medico come “veicoli” tra il soggetto e il stato di salute. La malattia è dunque espressione di un vissuto emozionale. Servendosi di strumenti come l'analogia, i simboli archetipici e la grafologia, la terapia verbale consente al terapista di poter tradurre al paziente quello che il suo inconscio desidera comunicare.

La descrizione della malattia da parte del paziente è fondamentale. Proprio il “pazientese”, la lingua usata per descrivere sintomi, con il corredo personale di aggettivi ed espressioni in libertà, guida il terapista verso la risoluzione di un problema.

L'importanza della parola

La terapia verbale si presenta come una sorta di omeopatia linguistica, non scientificamente dimostrata, fortemente legata alla personalità di una dottoressa sarda, Gabriella Mereu, autrice di pubblicazioni, DVD e seminari sull'argomento.

Le visite della Mereu sono brevi. Pochi minuti di dialogo con il soggetto sono sufficienti per individuare il "dispiacere", il blocco emotivo che ha generato la malattia. È importante sottolineare che, al termine del colloquio, non vengono prescritti rimedi omeopatici, bensì viene offerta una “storia”. Poiché la malattia è generata da un'informazione sbagliata, si rende necessario restituire al soggetto la stessa informazione, però in maniera corretta e terapeutica.

Con le parole della Mereu: “Io, in maniera analoga, restituisco la verità negata che è diventata malattia, espressa in maniera divertente, così non fa più male. Divertente equivale a dire diluita e dinamizzata. La verità detta in questa maniera è un male che non fa più male e dà energia, come dà energia il divertimento oltre che la libertà di dire la verità. Do contemporaneamente un'informazione, proprio come il rimedio omeopatico”.

Parole dunque al soggetto. Il medico è in silenzio, per una volta. Tra i termini più comunemente utilizzati dai soggetti per descrivere ciò che provano ci sono “palla”, “accavallare”, “schiacciare”, “costrizione” e “ prurito”. Questi vengono solitamente collegati alla sfera sessuale, alla sfera affettiva e a quella delle relazioni subordinate.


Dott.ssa Gabriella Mereu

Sono nata a Quartu Sant’Elena (Cagliari) il 3 maggio del 1954. Dopo essermi laureata in “Medicina e Chirurgia” a Sassari nel 1983, ho frequentato e mi sono diplomata in Medicina olistica ad Urbino, nella scuola diretta da Corrado Bornoroni. Sempre ad Urbino, nel 1992, ho ottenuto il diploma in Grafo

CONDIVIDI


Creato con Metooo da:

Il Centro della Natura ASD

Visita il profilo Contatta l'organizzatore

con Metooo puoi creare e gestire ogni tipo di evento

crea un evento
Wall Chiudi Wall

Inizia ora

oppure registrati con

Sei già registrato? Entra

Recupera password

Sei già registrato? Entra

Accedi

Hai dimenticato la password? oppure accedi con

Iscrivendoti, confermi di accettare i termini di servizio e l'informativa sulla privacy di Metooo e acconsenti alla ricezione di comunicazioni di marketing da Metooo.

Non sei registrato? Registrati

Il nostro sito web utilizza cookies per fornire il Servizio. Queste informazioni servono per migliorare il Servizio e comprendere i tuoi interessi.
Usando il nostro sito web, tu accetti l'utilizzo dei cookies. Clicca qui per approfondire.